Lituania


 

La Lituania è uno Stato Membro dell’Unione europea, confinante a nord con la Lettonia, ad est con la Bielorussia, a sud con la Polonia, e ad ovest bagnata dal mar Baltico. Il paese ha un aspetto collinare con estesi boschi, il clima è di tipo continentale e freddo. Gennaio e febbraio sono i mesi più freddi, mentre in estate la temperatura può raggiungere e spesso superare i 20 °C.

 

 

L ‘86,7% della popolazione è di etnia lituana e parla lituano, unica lingua ufficiale dello stato. Esistono inoltre numerose altre minoranze come quella russa (4,8%), quella polacca (5,6%) e quella bielorussa (1,3%), tutte parlanti le loro rispettive lingue. La Lituania è lo stato baltico con la minor presenza di popolazione di etnia russa, rispetto a Estonia (25% circa) e Lettonia (29,6%). Ufficialmente si dichiarano cattolici il 79% dei lituani, atei e agnostici il 15%, ortodossi il 4%, protestanti il 2%.

Le lingue che si parlano in Lituania sono il lituano (ufficiale).

La capitale della Lituania è Vilnius, una graziosa cittadina vivace e piena di sorprese. Una città stimolante e ricca di possibilità che al primo impatto accoglie con un’atmosfera pacifica e tranquilla ma ben presto si capisce che dietro a questo si nasconde una città giovane e dinamica, in continua evoluzione. Fiore all’occhiello della capitale della Lituania è sicuramente il suo centro storico, un vero gioiello dichiarato patrimonio dell’umanità dell’Unesco nel 1994. Ad ogni angolo, si trovano palazzi colorati dai tetti a punta, in stile barocco, gotico e rinascimentale e naturalmente una grande quantità di chiese.

Nella città di Vilnius, definita “la piccola Gerusalemme” per la grande comunità ebraica, è possibile ammirare diversi stili architettonici dovuti alle influenze dei vari popoli che l’hanno attraversata.

Assolutamente da vedere la bellissima Cattedrale di San Stanislao e San Vladislao nella cui cripta si trova il sarcofago del granduca di Lituania e re di Polonia Alexander.

Bellissimo anche il Palazzo Presidenziale, un palazzo bianco in stile neoclassico che dal 1997 è la residenza del presidente lituano dove, ogni giorno alle 18,00, è possibile assistere al cambio della guardia.

La Porta dell’Aurora, poi, l’unica porta rimasta delle antiche cinque che permettevano l’ingresso alla città, risalenti al XVI secolo. Il simbolo della città è senz’altro la Torre di Gediminas che si trova sull’omonima collina proprio di fronte alla Cattedrale. La Torre interamente costruita in mattoni rossi domina la città e dalla sua vetta è possibile godere un meraviglioso panorama sulla città di Vilnius. Per raggiungere la Torre, che ospita molti reperti medioevali, è possibile utilizzare la funicolare o percorrere un sentiero abbastanza ripido.

Diversi, poi, i musei da visitare come il Museum of Antiquites che ospita la storia lituana; il Museo delle Vittime del Genocidio (KGB) per ricordare l’occupazione sovietica della Lituania; il Museo dell’Energia e della Tecnologia raggiungibile attraverso il Ponte del Re Mindaugas